Teatro della Meraviglia / Programma e costi

Arditodesìo | Jet Propulsion Theatre
TORNO INDIETRO E UCCIDO IL NONNO


22 Gennaio 2017 ore 21.00
Teatro Sanbàpolis, via della Malpensada 82, Trento

Descrizione


Uno spettacolo di e con Roberto Abbiati e Andrea Brunello
Testo di
Andrea Brunello con il contributo di Roberto Abbiati e Leonardo Capuano
Scene e drammaturgia scenica di Roberto Abbiati
Regia di
Leonardo Capuano
Costumi di
Patrizia Caggiati
Organizzazione di
Francesca Pegoretti

Consulenza scientifica di Stefano Oss - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Trento.
Consulenza filosofica di
Enrico Piergiacomi - Dipartimento di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Trento.

In collaborazione con il Laboratorio di Comunicazione delle Scienze Fisiche del Dipartimento di Fisica dell'Università degli Studi di Trento
Con il supporto di Armunia - Castiglioncello
Con il supporto finanziario della Provincia Autonoma di Trento, della Fondazione Caritro e dalla Regione Trentino Alto Adige

Video promo


Lo spettacolo, che ha debuttato nell'ottobre 2014 al Festival della Scienza di Genova, affronta una delle domande più profonde di tutti i tempi: "Dove va il Tempo che passa?". Questo si chiedeva Albert Einstein ragionando sul concetto di spazio-tempo.
"Dove va il tempo che passa?" non è quindi solo una domanda esistenziale e filosofica, ma è di fondamentale importanza per la scienza. I fisici proprio non sanno dove vada il tempo! E da dove viene! Di cosa è fatto? Finirà? Se il tempo è come lo spazio, allora possiamo viaggiare nel tempo? Con che paradossi ci confrontiamo? Che cosa è la Freccia del Tempo? Torno indietro e uccido il Nonno ha a che fare proprio con queste domande. Lo fa in un modo umano, tenero, delicato, emozionale.
Lo spettacolo è la storia di un uomo che invoca suo nonno per trovare conforto, ma suo nonno non c'è, solo il suo spirito sopravvive. Due personaggi in scena: un Clown Augusto e un Clown Bianco. Una conversazione surreale sul Tempo dove la scienza incontra Aspettando Godot incontra Sant'Agostino incontra Einstein al ritmo della musica dei Radiohead!
Il premio Nobel Steven Weinberg scrisse “Più l'universo sembra comprensibile e più sembra senza senso”. Nulla di più vero quando pensiamo al Tempo! Torno indietro e uccido il Nonno ha come obiettivo quello di stimolare interesse attorno alla scienza in modo del tutto nuovo, sviluppando curiosità e senso di meraviglia. Non si tratta quindi di divulgazione e nemmeno di didattica, bensì di generare un profondo “desiderio di capire” attorno alle tematiche trattate. Il pubblico apprezzerà il teatro ma anche la scienza che viene raccontata. Il risultato è una piena esperienza emozionale oltre che culturale.

Eccezionale la performance dei due interpreti che si sono conquistati, più di una volta, grandi applausi a scena aperta, e che hanno reso il loro spettacolo un grande elogio alla vita e al presente.
Persinsala - Michela Bottanelli (20 Gennaio 2015)

(…) i due attori hanno trasmesso conoscenza e gioiosità (…) il tutto premiato con lunghi e calorosi applausi.
Antonia Dalpiaz - L'Adige (15 Febbraio 2015)

È teatro, ma è anche scienza. Cultura, soprattutto emozione. È una sorta di realismo magico che trova il dato onirico negli elementi fisici. I duetti attingono con intelligenza e ironia ai meccanismi della comicità pura: la rottura del rapporto causa-effetto; un ritmo geometrico; la stilizzazione dei gesti; l'imprevedibilità che tradisce le attese e le abitudini dello spettatore; lo sconvolgimento della logica. (…) Un modo divertente e poetico, coinvolgente e stravagante per riflettere sulla fisica, per approfondire il lato umano della scienza.
Vincenzo Sardelli - Scuola e Amministrazione


Sito ufficiale







Copyright © 2017 - Compagnia Arditodesìo
P.I. 01984370229
Privacy e Cookie Policy